I padroni poveri 1 e 2.

Nella mia carriera colfistica ho imparato che i “padroni” delle colf si suddividono in due grandi categorie:

1) I padroni poveri1
2) I padroni poveri2.

Padroni ricchi? Non pervenuti.
Vi sembra strano? Diffidenti…                                                                                                                             
I padroni poveri1 sono di solito gli anziani che in un anno di pensione prendono quello che un politico italiano onesto (guai a chi fa battute) prende in una settimana, o i giovani con la pensione di invalidità per malattie croniche (cifre simili).
Hanno la colf perché fisicamente non riescono a svolgere i, pesanti, lavori domestici. Siccome la colf gli serve per necessità, la spesa è a loro carico.
Ovviamente questi padroni ti pagano l’importo pattuito, e alla data pattuita, senza errori. E, dopo che ti hanno pagato, ti dicono grazie almeno 27 volte.
E naturalmente passano il tempo ad offrirti i caffè, le coca cola, le aranciate o i succhi… gli stessi che bevono loro… e li bevono insieme a te, che “Se ti fermi 5 minuti non cade il mondo”. Se poi fanno i biscotti in casa, non azzardarti a non accettare il sacchetto da portar via per farli assaggiare a tua figlia, che sanno che tra due giorni esatti, alle 16.23, compirà 7 anni.
Generalmente i padroni poveri1 vivono nei trilocali da 60 mq, del 1963, senza ascensore né box (che tanto pure l’auto non ce l’hanno).
Da questi padroni, quando loro non sono in casa, mi fa piacere fermarmi anche mezz'ora in più (non pagata, economicamente parlando).

I padroni poveri2 sono gli industriali, gli ereditieri, i gioiellieri e i politici.
Hanno la colf perché non riescono da soli a chiudere il baule delle obbligazioni dei diamanti sudafricani. Siccome la colf non gli serve propriamente per necessità, la spesa la scaricano nel 740 della dittarella.
Ovviamente questi padroni ti chiedono di abbassare di uno o due euro il tuo normale importo orario visto che c’è crisi, e, alla data pattuita, si dimenticheranno di prelevare al bancomat.
E naturalmente passano il tempo a dirti che puoi buttare via i pasticcini fatti a mano da Vissani, che è una settimana che sono sul tavolo e ormai sono ammuffiti, se hai sete prendi pure l’acqua con la bottiglia rosa (loro bevono da quella azzurra) e tua figlia… perché hai una figlia?
Generalmente i padroni poveri2 vivono negli attici da 570 mq nel centro storico della città, con vista sui colli.
Ma non sono ricchi. No. Non bisogna farsi ingannare l’occhio dalle apparenze, suvvia.
Sono fortunati.
Ad esempio ti diranno che l’attico non l’hanno comperato con i loro soldi. L’attico era della zia Isabella Sofia delle Asturzie che, non avendo figli, alla sua dipartita l’ha lasciato in eredità proprio a loro. Ma non era ricca neanche lei. No no. Faceva la bidella alle scuole elementari di Pinerolo e, non essendo sposata, ha risparmiato tanto tanto, da comprarsi un attico a 730 km di distanza (quindi fate attenzione bidelli di Pinerolo, perché un giorno che mi gira male vi mando la Finanza).
Lo chalet a Gstaad invece ti diranno che l’hanno vinto con i punti dei dadi Star, che la bisnonna Azzurrina Elisabetta d’Aragogna raccoglieva di nascosto, mentre faceva la mondina a Tunisi.
E la Rolls Royce in garage? Che culo, era l’ultima che aveva il concessionario perciò era scontatissima, hanno solo dovuto metterci contro il cric della vecchia auto e il triciclo della figliola, ormai cresciuta.
Da questi padroni, quando loro sono in partenza per le Seychelles, mi fa piacere avere all'improvviso un terribile dolore intestinale che mi costringe ad andare subito a casa senza poterli aiutare nella preparazione delle 19 valigie, dopo aver intascato la paga, che solo per stavolta è in anticipo dato che poi staranno via due mesi, calcolata sulla riduzione di due euro orarie voluta da loro, aumentata precedentemente di 4 euro orarie volute da me.

Sì, lo so che con queste piccole ripicche non andrò lo stesso tanto lontano… ma neanche loro, se gli nascondo bene i passaporti.

12 commenti:

  1. Siete crudeli! ;)
    Una terza categoria no? Per quelle come me, che stanno nel mezzo e pagano le ferie?
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu paghi le ferie????? Ossignur, ora lo dico in giro e ti ritrovi con 2147 citocolfonate al giorno. La colf suona sempre 2147 volte. Un abbraccione:-))

      Elimina
  2. Mi avete fatto aspettare dall'ultimo post...ma ne è valsa la pena! Ancora asciugo le lacrime e mi tengo la panza dalle risate!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fortunata, sei sempre molto super carinisssssima. Bacio bacio bacio

      Elimina
  3. Ahaha :D
    Certo che però... che tristezza, i padroni poveri 2. Quanta ipocrisia. Vi ammiro tantissimo, a me sarebbero già saltati i nervi ad avere a che fare con gente così.
    Ragazze, state pensando di scrivere un altro libro, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a noi saltano i nervi, per questo stiamo scrivendo un altro libro... così ci sfoghiamo con i poveri lettori:-) Bacione Phaedra.

      Elimina
  4. Sempre esilarante la lettura di questi vostri post. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dani:-)). Un abbraccione grande.

      Elimina
  5. ma è verità o finzione la vostra ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Francesco, vieni a lavorare con noi un mese (TU lavori e noi ti guardiamo) e lo scoprirai. Se sei svalvolato come noi, alla fine, potrai anche riderne:-))))

      Elimina
  6. Sempre simpaticissime!! Che sia tutto vero lo so, per esperienza. Non colfavo ma impartivo lezioni private. Gli operai e gli impiegati erano come i padroni poveri1, i medici i padroni poveri2. Questi ultimi erano insopportabili...mi parlavano di off shore ormeggiato in porto e mi chiedevano lo sconto per le lezioni ai figli ciuchi...senza parole. Un bacione, carissime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Ros, fa piacere che qualcuno capisca fino in fondo, visto che alcuni pensano che esageriamo. Invece non ce n'è affatto bisogno. Super super abbaraccione.

      Elimina